Protezione della catena logistica

Il terrorismo rappresenta una delle principali minacce per la democrazia e la libertà. Il rischio di attentati terroristici contro il trasporto di merci resta elevato. I danni potenziali in termini di vite umane e di attività economica sono inimmaginabili e incalcolabili.

Per combattere il terrorismo, i capi di Stato dell’Unione Europea hanno chiesto alla Commissione “un rafforzamento della sicurezza di tutti i sistemi di trasporto, anche tramite il potenziamento del quadro giuridico e il miglioramento dei meccanismi di prevenzione” per cui la Commissione Europea si è impegnata per migliorare la sicurezza della catena logistica del trasporto terrestre al fine di completare la normativa comunitaria che disciplina la sicurezza dei trasporti ed ha elaborato una comunicazione che individua i fatti essenziali riguardanti la sicurezza del trasporto di merci. L’obiettivo è quello di rafforzare la sicurezza della catena logistica per proteggere meglio tutti i tipi di trasporto di merci da possibili atti terroristici mediante l’aumento del livello di sicurezza lungo tutta la catena logistica senza ostacolare la fluidità degli scambi, nonché l’istituzione di un quadro normativo comune per un approccio europeo sistematico, senza compromettere il mercato comune dei trasporti e le misure di sicurezza esistenti ed evitare procedure e carichi amministrativi superflui a livello europeo e nazionale.

Le grosse problematiche da gestire in fatto di sicurezza si concentrano principalmente sul trasporto intermodale effettuato con container, sia a livello nazionale che internazionale, in quanto i timori che un container possa essere usato per il contrabbando di armi a scopi terroristici o anche come veicolo per la consegna di armi chimiche, biologiche, radiologiche o nucleari sono più che fondati.

Tuttavia, i container non sono gli unici bersagli potenziali. Il commercio infra-comunitario si basa su varie unità di carico, tutte ugualmente esposte a rischi di tipo terroristico. La stessa preoccupazione vale per tutti i tipi di trasporto di merci che, in un modo o nell’altro, rischiano di servire a usi impropri.

Per ottenere l’autorizzazione a valere, a un soggetto in regola con le normative inerenti la protezione della catena logistica viene richiesta, oltre alla designazione di un responsabile della sicurezza (normalmente un Senior Security Manager), l’esistenza di adeguati standard idonei a garantire la sicurezza della catena di approvvigionamento internazionale.